Pianca

 

 

PIANCA

 

I Numeri 500 ANNI DI TRADIZIONE ALLE SPALLE. 35 MILIONI DI EURO DI FATTURATO L’ANNO.

65 anni di storia. 50 Paesi in cui esportiamo. 75.000 mq di stabilimenti produttivi. 250 addetti interni. 50 partecipazioni al Salone del Mobile, sin dalla prima edizione. 500 colori di laccature da proporre ai nostri clienti. 1.000 collaboratori che ci aiutano ogni giorno. 5 settimane di tempo minimo garantito per la consegna dall’ordine. 1.000 negozi in Italia. 500 rivenditori nel mondo.

first

Sostenibilità RISPETTIAMO L’AMBIENTE E LA PERSONA IN OGNI FASE DELLA LAVORAZIONE.

Perché crediamo nel lavoro come occasione di crescita e miglioramento. I nostri legni provengono da boschi certificati a prelievo controllato contro la deforestazione e i pannelli sono esenti da colle tossiche. Siamo stati i primi a impiegare laccature lucide ad acqua invece delle vernici poliuretaniche – tuttora un plus assoluto Pianca per la salute dei nostri dipendenti e per abbattere l’inquinamento domestico. I nostri stabilimenti sono energicamente autosufficienti al 60% grazie all’impiego di pannelli fotovoltaici. Gli scarti di lavorazione vengono utilizzati per produrre l’energia con cui scaldare i forni e i nostri sistemi di imballaggio sono al 100% in cartone riciclabile. Abbiamo inoltre realizzato una pista ciclabile in collaborazione con il Comune di Gaiarine per promuovere il rispetto del nostro territorio e siamo soci sostenitori di Medici Senza Frontiere.

first

Customer Care SENZA LA VOSTRA FIDUCIA PIANCA NON ESISTEREBBE E LO SAPPIAMO BENE.

Per questo, ci affidiamo a un selezionato network di rivenditori formati, in grado di fornire massima garanzia di qualità e cortesia nel servizio, trasporto e montaggio. Con questi negozi instauriamo un rapporto di partnership. Ci relazioniamo quotidianamente con i loro front desk per conoscere quali sono le vostre esigenze per seguirvi al meglio nella progettazione. Troviamo soluzioni ad ogni vostra esigenza proponendovi sistemi d’arredo completi estremamente flessibili, adatti ad ogni nuova attitudine nel vivere moderno e garantendovi una casa di design a prezzi competitivi.

first

Qualità COLTIVIAMO L’ECCELLENZA NEI MATERIALI E NELLE LAVORAZIONI COME UN’OSSESSIONE.

Ed à la migliore garanzia di fidelizzazione dei nostri clienti. Utilizziamo pannelli in legno riciclato e li nobilitiamo con impiallacciatura in legno di rovere e di noce proveniente da foreste certificate a gestione controllata FSC. Scegliamo nuove laccature ad acqua atossiche e ammortizzatori soft closing top di gamma. Adottiamo lavorazioni innovative che danno continuità alle superfici, assicurando l’effetto pezzo unico. Tutti particolari, che insieme fanno la differenza e ci permettono di poter attestare con orgoglio di essere soci sostenitori di CATAS, il più grande istituto italiano per la ricerca e il miglioramento della qualità nel settore legno-arredo.

first

100% Made in Italy IL NOSTRO ESSERE ITALIANI, GARANZIA DI QUALITÀ UNIVERSALMENTE RICONOSCIUTA

Lo vediamo come un marchio da tutelare. Partendo dalla vocazione e dalla competitività per il nostro territorio, noi di Pianca abbiamo contribuito alla nascita del primo distretto industriale del mobile d’Italia. Tutti i nostri arredi prendono forma intorno al quartier generale di Gaiarine, nel trevigiano, rispettando standard produttivi UE. Della Marca esportiamo nel mondo l’eleganza e il pregio delle lavorazioni Made in Italy.

first

Design INTENDIAMO IL DESIGN INDUSTRIALE COME LA RICERCA TECNICA ED ESTETICA DI UN NUOVO PRODOTTO.

Al fine di migliorare la vita delle persone. Per questo abbiamo scelto di collaborare con designer all’avanguardia che condividessero questo valore mettendo assieme le più diverse esperienze e conoscenze al fine di creare cose funzionali, competitive e di una bellezza che dura per sempre. È grazie a questa meticolosa ricerca che il marchio Pianca è diventato sinonimo riconosciuto di qualità al giusto prezzo, senza compromessi.

first

Innovazione RINNOVAMENTO È SEMPRE STATO IL NOSTRO IMPERATIVO E IL CORAGGIO NELLE SCELTE NON CI È MAI MANCATO.

Siamo stati i primi a credere in un design democratico alla portata di tutti. I primi nella fascia di mercato ad automatizzare la produzione. I primi a riorganizzare il flusso di lavoro introducendo nel mobile il concetto di lean production, produzione snella, che ha reso tecnologicamente possibile passare dal mobile ai sistemi d’arredo. Siamo stati i primi in Europa a utilizzare laccature lucide ad acqua senza solventi, i primi a inventare imballaggi con protezioni a nido d’ape con maggiore garanzia di resistenza agli urti e tra i primi ad adottare il sistema ammortizzato su tutti i cassetti di tutte le collezioni. Continuiamo a innovarci ogni giorno nella tecnologia e nelle scelte stilistiche, valutando le tendenze senza cedere alle mode passeggere, per rimanere fedeli all’eleganza contemporanea che voi consumatori riconoscete in noi.

first

Savoir Faire NON SIAMO UNA CATENA DI MONTAGGIO MA UN LABORATORIO UMANO

La nostra azienda è fatta prima di tutto di persone. Il loro immenso valore è il nostro capitale, un bagaglio di conoscenza e abilità che solo l’esperienza fa conquistare nel tempo… C’è il gusto di Marta dietro la scelta dei legni, la perizia di Franco a garantire la perfezione delle laccature, l’occhio attento di Jussef al controllo qualità… Per noi è così da sempre. Quando il laboratorio di falegnameria ha iniziato a starci stretto abbiamo sostituito lo scalpellino con l’alta tecnologia, continuando a investire sulle nostre maestranze. Lo dimostra l’affezione dei nostri dipendenti, che ci sono fedeli a vita. Ecco perché produciamo design, ma usiamo ancora le mani e ci sentiamo sempre artigiani. Le nostre finiture in rovere segato sono la perfetta sintesi di questo connubio che unisce alte prestazioni tecniche con il sapore del fatto a mano.

first

Radici LA MEMORIA È LO STRUMENTO PIÙ POTENTE PER COMPRENDERE IL PRESENTE.

Significa esperienza, maestranza, e questo si traduce in qualità. Attingiamo alla solida tradizione dell’ebanisteria veneta: viaggiando indietro nei secoli, arriviamo all’antico laboratorio di un falegname che nel tardo cinquecento assumerà il cognome Pianca dal corso d’acqua che alimentava il mulino della bottega. Un epopea artigianale destinata a continuare anche quando Enrico Pianca, negli anni ’50, introdusse i primi macchinari e la produzione di serie, contribuendo a formare quello che poi diverrà il primo distretto del mobile italiano.